Panathlon International: 70 anni per lo sport etico - A Ferrara si festeggia con la consegna dei Premi Panathlon “Atleta Eccellente, Eccellente Studente”

Categoria: Notizie Creato: Mercoledì, 09 Giugno 2021

premi panathlon 2021

C’è un raggio di sole per chi crede nei valori etici dello sport, in questo 2021 segnato dalle paure e dai dolori della pandemia: il Panathlon International celebra i suoi primi 70 anni di storia.

Era il 12 giugno 1951 quando Mario Viali decise di mettere le basi ad un dialogo fondato sulla passione sportiva con alcuni amici e rappresenti di varie discipline. Li convocò a Venezia ad un “disnar sport” mutuando la formula conviviale dai Club service. Risposero in 24 e nacque l’embrione del Panathlon International, oggi presente in quattro continenti e ventisette nazioni con poco meno di 300 Club e diecimila soci.

La convivialità servì come richiamo per favorire le relazioni umane, l’unione e la condivisione di idee e iniziative ma fu presto sormontata da obiettivi assai più elevati. Il motto “ludis jungit” indicò subito la comunione di intenti e valori espressi dallo sport.

Nel 1955 il socio Domenico Chiesa propose un affondo ancora più significativo con il nome di “Panathlon” con il quale si superò la dimensione del Club service per proiettare quell’idea nel firmamento olimpico, accomunando tutti gli sport.

Il Panathlon International oggi è riconosciuto dal C.I.O. e porta il suo contributo di idee e valori all’interno della commissione per la cultura e lo sviluppo dell’ideale olimpico. Parimenti, in ogni Stato in cui il Panathlon è presente viene riconosciuto dai Comitati Olimpici nazionali come ente benemerito.

La sua missione è trasversale alle discipline e agli eventi dello sport, attività non marginale ma fondamentale per l’educazione dei giovani e per la costruzione di una società fondata su valori etici e morali duraturi.

L’agonismo sempre più spinto, i pesanti condizionamenti economici e finanziari, le devastazioni fisiche e morali causate dal doping, le infiltrazioni malavitose con il fenomeno dei match-fixing, proiettano in prima fila il ruolo del Panathlon International come sentinella e presenza di contrasto etico e morale.

Per contro, al centro della missione panathletica vi sono la costruzione di fondamenta sicure per i giovani riconoscendo loro l’accesso allo sport come diritto naturale, in particolare per i più svantaggiati.

Questo impegno costituisce l’attività fondamentale di ogni Club che lo esercita attraverso incontri, ricerche, pubblicazioni, premi e borse di studio per chi eccelle nello sport e nella scuola esaltando i valori della correttezza e del fair-play. Il Club di Ferrara, 10° per costituzione, è stato fondato il 14 aprile 1954 e ha visto la sua prima conviviale il 10 maggio dello stesso anno.

Tale ruolo è sempre più riconosciuto non solo dagli organismi sportivi ma anche dalle istituzioni pubbliche che hanno a cuore la crescita dei giovani in una società pulita.

Il Panathlon International, quindi, ha molto da festeggiare in questo settantennale di fondazione, a Venezia, a Rapallo dove si trova la sede internazionale e in ogni singolo Club. In particolare, a Ferrara, si farà festa giovedì 10 giugno, con inizio alle 20:25 presso l’Archibugio, ripatendo dal convivio dei ????? ????????? 2021 "?????? ??????????, ?????????? ????????", la serata più importante per il Club Ferrara, solitamente svolta a fine maggio e mai così attesa come quest’anno, in quanto carica di valori legati alla ripartenza di una convivialità attesa da oltre 15 mesi e solo parzialmente ritrovata la scorsa estate.

Vi anticipiamo poco della serata, che sarà bello raccontare appena si sarà conclusa, ma vi anticipiamo che sono annunciati tanti illustri ospiti, tra i quali spiccano Sua Eccellenza il Prefetto di Ferrara Michele Campanaro, il Governatore dell’Area 5 Emilia-Romagna e Marche del Panathlon Lucio Montone e l’Assessore allo Sport del Comune di Ferrara Andrea Maggi.

Con loro tanti giovani Campioni che cercheranno, negli anni a venire, di essere all'altezza dei loro predecessori a conquistare questo premio, come le future Olimpioniche Martina Santandrea e Marta Bertoncelli... un Albo d'Oro ricchissimo che potete riscoprire sul sito http://www.panathlonferrara.it. I Premi Panathlon Club Ferrara vedono infatti come protagonisti i migliori studenti-atleti della provincia di Ferrara e vengono assegnati da una commissione aggiudicatrice interna al Club, con scelte che si sono sempre rivelate molto attente, ricadendo su atleti che si sono poi confermati ai vertici internazionali delle loro categorie e anche di più. Ecco, dunque, i nominativi scelti per questo 2021:

premi panathlon 2021 minotti

  • Beatrice Minotti

Atletica Leggera - Centro Atletica Copparo

premi panathlon 2021 matteo

  • Steven Matteo

Ginnastica Ari stitica – Palestra Ginnastica Ferrara a.s.d.

immagine copertina premi panathlon 2021 barotto

  • Tommaso Barotto

Pallavolo - a.s.d. 4 Torri 1947

premi panathlon 2021 occhi

  • Tommaso Occhi

Motociclismo - Geko Bike Factory s.s.d. a r.l.

A completare la serata una premiazione che servirà a chiudere un cerchio aperto a gennaio 2020, reso infinito dalla pandemia. L’assemblea dei Club dell’Emilia-Romagna e delle Marche aveva allora designato come vincitori dei Premi Fair Play d’Area due candidati proposti dal nostro club: il giovane Eugenio Dondi per il gesto e Mirko Rimessi per la comunicazione. Il terzo premio invece, alla carriera, è andato al candidato del Club di Cesena, un “certo” Davide Cassani. Bene, durante la conviviale del 10 giugno questi premi potranno finalmente essere consegnati, non nel modo classico che prevedeva una cerimonia comune, ma con la visita a “domicilio” del Governatore d’Area proprio qua a Ferrara, per rendere ancora più unica questa serata.    

Visite: 555